Thai Laos

Il modo più emozionante per visitare l’affascinante confine tra Thailandia e Laos è senz’altro il tragitto sul fiume Mekong a bordo dei tradizionali barconi di legno noti come slow boat. Si tratta di due giorni di navigazione sul fiume; il punto d osservazione privilegiato permette di osservare la vita lungo le sue sponde o semplicemente ascoltare la pioggia adagiarsi sul tetto del barcone. Scivolando per ore nella corrente del Mekong si toccano luoghi autentici e poco battuti, si fanno i conti con il tempo, si assaporano le distanze e si rende omaggio all’essenza del viaggio.

Da Chiang Rai – il perfetto punto di partenza per l’esplorazione delle bellezze paesaggistiche e culturali della Thailandia del nord - a Chiang Khong, l’ultima cittadina thai situata sulla riva del Mekong. La via più logica per realizzare il percorso in slow boat verso Luang Prabang parte da qui. Chiang Khong si trova nel cuore del famigerato Triangolo d’Oro, dove il fiume Mekong e il fiume Ruak si incontrano creando così la linea di frontiera tra la Thailandia, il Myanmar e il Laos. Alte montagne tutt’intorno sono abitate da tribù Akha, Lahu, Karen e Mon. E’ un luogo ancora misterioso, segnato dal corso dei fiumi e impenetrabili montagne.

Sbrigate le pratiche di uscita dalla Thailandia, si sale su una delle long-tail boat che fanno la spola tra le rive e si sbarca in terra laotiana, a Huay Xai. All’ufficio immigrazione è necessario pagare il visto di entrata in Laos. Espletate le formalità, si è pronti per l’imbarco. Le slow boat sono lunghe e strette barche di legno, coperte nella parte superiore e aperte sui lati, dotate di un unico comfort: dure panche su cui sedersi.

Le barche si fermano spesso per far salire a bordo i locali e le loro merci. La vita sulle sponde scorre inalterata da secoli tra commerci, bambini che fanno il bagno, animali che si abbeverano, monaci in fila, templi nascosti nella vegetazione. È un mondo autentico con un paesaggio tipico che non cambia molto lungo tutto il percorso, fino all’arrivo nel tardo pomeriggio a Pakbeng. La mattina si riparte per Luang Prabang, oppure si rimane in questa deliziosa cittadina di frontiera. Non mancano guesthouse e ristoranti.

Category_news: Da visitare, Fiume, Turismo