Michelin Guide Bangkok 2018

La guida Michelin di Bangkok è pronta, con 98 ristoranti selezionati che celebrano l’effervescenza della capitale thailandese. Un’offerta che è sì ristorazione internazionale, ma anche orgogliosa tradizione, una storia e una contemporaneità gastronomiche capaci di attirare milioni di visitatori in tutto il mondo. "I nostri ispettori – ha detto Michael Ellis, Direttore Internazionale responsabile delle Guide Michelin - sono entusiasti di aver trovato una scena culinaria locale con un'incredibile vivacità, una miriade di nuovi ristoranti, una sorprendente varietà di meravigliosi cibi di strada, ma anche la tradizionale cucina thailandese servita in diverse forme".

Tre ristoranti ottengono due stelle nella MICHELIN Guide Bangkok 2018: Gaggan, con lo chef-proprietario Gaggan Anand e la sua cucina indiana portata a livelli raramente raggiunti con piatti originali e creativi. Anche Le Normandie, nel Mandarin Oriental Hotel, ottiene le due stelle: inaugurato nel 1958, offre una sofisticata cucina francese. Premiato anche con due stelle, Mezzaluna, arroccato al 65 ° piano dell'Hotel Lebua, offrono prelibatezze europee con precisione giapponese in menu di cinque e sette portate.

La prima selezione della Guida Michelin di Bangkok premia anche 14 ristoranti mettendo in risalto la qualità della cucina locale, e 7 di questi ristoranti insigniti di una stella offrono cucina tailandese preparata da chef locali. Come Chim di Siam Wisdom, dove lo chef rivisita le tradizionali ricette tailandesi con piatti in cui si trova un equilibrio tra vecchio e nuovo, influenze tailandesi e straniere; il Bo.lan, Sra Bua e il Saneh Jaan, dove si gusta un piatto difficile da preparare come il kaengranjuan, zuppa calda e speziata. Anche un cuoco di street food ottiene una stella: è il Jay Fai, piccola cucina aperta con stufe a carbone, dove lo chef continua quello che il padre ha iniziato 70 anni fa, frittate di granchio, curry di granchio e riso congee.

Anche la cucina internazionale di Bangkok viene premiata nella Guida Michelin. Una stella va al Ginza Sushi Ichi, tempio del sushi dove gli ingredienti vengono consegnati direttamente dai mercati di Tokyo ogni 24 ore o Sühring, dove i fratelli Mathias e Thomas Sühring, propongono una moderna cucina tedesca. L'Atelier de Joël Robuchon, J'aime di Jean-Michel Lorrain, Elements e Savelberg, conquistano una stella nel segno della cucina francese contemporanea.

La selezione prevede anche un totale di 35 ristoranti premiati con un Bib Gourmand, una distinzione tanto apprezzata dagli chef quanto dai buongustai, che riconoscono i locali selezionati dagli ispettori Michelin per il loro buon rapporto qualità-prezzo, poiché servono un menu di qualità per un massimo di 1000 THB, circa 25 euro. Tra i tesori scoperti, dal cibo di strada come Baan Yai Phad Thai, uno dei posti migliori per il Phad Thai, o Guay Tiew Kua Gai Suanmali, famoso per il pollo saltato in padella. E ancora Jay Oh, che serve pesce e piatti locali in un ambiente rustico, annunciato da lunghe code che si notano ogni sera. Bib Gourmand sono anche Baannai, situato in una bella casa in legno in stile thailandese con giardino, e Soul Food Mahanakorn che prepara cibo thai moderno. Le bancarelle di street food selezionate sono 28. In tutto la selezione di Bangkok ha questi risultati: 3 ristoranti a due stelle, 14 a una stella, 35 ristoranti Bib Gourmand.