Home > Il viaggio > Chiang Rai e Provincia

Chiang Rai e Provincia




Chaing Rai
Chiang Rai è una piccola ma attraente città, si presenta come un perfetto punto di partenza per l’esplorazione delle bellezze paesaggistiche e culturali della Thailandia del Nord.
 
Situata a 785 chilometri a nord di Bangkok, Chiang Rai è la capitale della regione dell’estremo nord. Situata a quasi 600 metri sul livello del mare copre un area di circa 11,700 km2, la sua provincia confina con il Myanmar a nord e con il Laos a nord-nord-est. La maggior parte del territorio è montagnoso, con cime che raggiungono 1,500 metri di altezza e nelle valli tra le montagne scorrono diversi fiumi, il più importante è il fiume Kok, vicino al quale sorge la città di Chaing Rai. All’estremo nord della provincia si trova una zona denominata ‘il Triangolo d’Oro’ dove il fiume Mekong e il fiume Ruak si incontrano e creano così la linea di frontiera tra la Thailandia, il Myanmar e il Laos. Mentre le alte montagne sono abitate da tribù come gli Akha, i Lahu, i Karen ed i Mong.
 
La regione possiede una lunga storia di piccoli regni che ebbero la loro origine nel periodo pre-Thai, mentre la città di Chaing Rai fu fondata nel 1262 dal Re Mengrai ed era la capitale del Regno Lanna fin quando non venne superata in importanza da Chaing Mai. Oggi, Chiang Rai è una piccola ma attraente città, si presenta come un perfetto punto di partenza per l’esplorazione delle bellezze paesaggistiche e culturali della Thailandia del Nord.
 
 
Attrazioni della città
Monumento del Re Mengrai
Per rendere il giusto omaggio al fondatore di Chiang Rai, il suo monumento dovrebbe essere il primo luogo della città ad essere visitato dal momento in cui, gli abitanti credono che il Re Mengrai merita il rispetto dai viaggiatori prima che questi comincino il viaggio. Il monumento si trova nella periferia della città, lungo la strada per Mae Chan.
 
Stupa del Re Mengrai
Davanti al tempio di Wat Ngam Mueang, sulla cima della collina di Doi Ngam Mueang, nel comune di Mueang, fu costruito uno stupa dal Re Chaisongkram per conservare le reliquie di suo padre, ossia il re Mengrai.
 
Wat Phra Sing
Questo tempio, in via Singhakhlai, è un esempio raffinato dell’architettura religiosa di Lanna. La statuetta di Phra Phuttha Sihing, che adesso si trova a Chiang Mai, era originariamente custodita proprio qui a Chiang Rai dove al suo posto è stata collocata una copia.
 
Wat Phra Kaeo
Si trova dietro a Wat Phra Sing, Wat Phra Kaeo è noto per la sua sala in stile tardo Lanna con le statue in bronzo di Budda. Il tempio è comunque più famoso come il luogo in cui venne scoperto il Budda di Smeraldo che momentaneamente, viene conservato a Bangkok.
 
Wat Phrathat Doi Chom Thong
Questo antico tempio in cima alla montagna venne costruito precedentemente alla fondazione della città di Chiang Rai e possiede delle belle viste panoramiche sul fiume Kok. Si dice che da questo punto così strategico il re Mengrai osservasse quel territorio che sarebbe divenuto il sito della città. Situata su una piccola collina a ovest di Wat Phra Kaeo, il tempio ha un’antica pagoda in mattoni che è il reliquiario del re Mengrai.
 
Il museo di Oub Kham
E’ posizionato vicino al mercato di Den Ha, a 1 chilometro dal centro città. Vi si trova una collezione di oggetti provenienti dalle zone che, un tempo, gravitavano intorno al regno di Lanna: l’attuale Nord della Thailandia, alcune parti che si trovano a Nord-est nel Myanmar, a Sud-ovest nella Cina e nel Vietnam. A parte gli oggetti rituali, la collezione consiste per la maggior parte da oggetti usati a corte come utensili laccati, gioielli in argento e vestiti. Un capolavoro della collezione è una ciotola d’oro, una volta, riservata ai reali. Il museo è aperto tutti giorni dalle 9.00-16.00. Tel: 0 5371 3349
 
Ho Watthanatham Nithat
Il sito è un museo che mostra i manufatti antichi e manoscritti sulla storia, letteratura e sapienza locale, inoltre, sulle attività promosse dall’ultima regina madre a Doi Tung. L’apertura al pubblico: mercoledì-domenica; ore: 9.00-15.30.
 
Il fiume Kok
Questo fiume spettacolare è la principale via di collegamento con la vicina provincia di Chiang Mai, soprattutto con la cittadina di Tha Ton. Il fiume, di circa 130 chilometri di lunghezza, attraversa il centro di Chiang Rai e passa da diversi insediamenti di tribù e dai parchi di elefanti da dove partono le gite sull’elefante nella giungla. Le tipiche barche coda lunga sono giornalmente disponibili per un tour di 3-4 ore.
 
Il parco forestale di Namtok Khun Kon
La cascata di Khun Kon, chiamato anche Tat Mok, è situata a circa 30 chilometri a sud di Chiang Rai. E’ la cascata più alta, cioè 70 metri, e la più bella di Chiang Rai.
 
Attrazioni nei dintorni
Amphoe Mae Chan
Centro termale
Dista 8 chilometri da Mae Chan, sulla strada di Mae Chan-Mae Ai, questo complesso possiede sorgenti di acqua calda ed impianti per i bagni termali. Nella zona, sono disponibili anche gli alloggi.
 
Centro di Sviluppo e Cooperative delle tribù della montagna
Il centro, situato a 15 chilometri sulla strada di Doi Mae Salong, aiuta e amministra gli abitanti delle tribù locali. I prodotti artigianali come capi di maglieria e oggetti in argento sono in vendita.
 
Amphoe Mae Fa Luang
Doi Mae Salong
Dista circa 40 chilometri da Mae Chan, la montagna lussureggiante di Doi Mae Salong, la cui cima è occupata da un insediamento, chiamato Santi Khiri, di discendenti dei soldati nazionalisti cinesi che vi si stabilirono nel 1940. Le piantagioni di caffè ed i frutteti sui versanti della montagna creano un panorama variegato che diventa davvero pittoresco a dicembre ed a gennaio quando fioriscono i ciliegi thailandesi. Le attrazioni maggiori stanno negli agriturismi, ristoranti, passeggiate a cavallo e  trekking.
 
Doi Tung
Questa montagna più settentrionale offre diverse attrazioni turistiche tra cui la Villa Reale di Doi Tung, costruita per l’ultima regina madre in uno stile architettonico misto di Lanna e da chalet svizzero; il giardino botanico di Mae Fa Luang in cui crescono alberi e piante colorate di varie specie, con rocce e acqua, palme e fiori; infine, molti villaggi tribali. Sulla sommità della montagna si trova il tempio di Wat Phrathat Doi Tung, dove sono custodite le reliquie di Budda, da qui si può godere di una vista panoramica meravigliosa delle campagne intorno.
 
Il villaggio di Pha Mi Akha
Questo pittoresco villaggio tribale, uno dei più accessibili della provincia di Chiang Rai, è situato lungo la strada per la cima di Doi Tung.
 
Doi  Hua  Mae Kham
Questo sito è il domicilio delle tribù che vivono vicino al confine Thai-Birmano. Si raggiunge in tre ore tramite un percorso che costeggia un precipizio ripido. Questo sentiero parte dalla strada di Mae Chan-Ban Thoet Thai-Ban Huai. La maggioranza della popolazione è costituita dai membri della tribù Lisu ed in numero minore da quelli delle tribù Akha, Mong e Muser. Doi  Hua  Mae Kham è particolarmente incantevole nel mese di novembre quando i girasoli nani sono al massimo della fioritura.
 
Amphoe Mae Sai
Mae Sai
Questa cittadina di frontiera è il punto più a nord della Thailandia, si affaccia sul Myanmar, raggiungibile attraversando il fiume di Mae Sai. Dista 61 chilometri da Chiang Rai, sull’autostrada numero 110. La città propone un’ottima opportunità per lo shopping: i prodotti thailandesi, birmani e cinesi sono in questo luogo molto popolari.
 
Khun Nam Nang Non
Il nome si può tradurre in “il lago della fanciulla addormentata” che deriva dalla forma naturale di una roccia che sembra una donna sdraiata. Si raggiunge svoltando per una strada statale 12 chilometri prima della città di Mae Sai  e percorrendo la stessa per altri 2 chilometri.
 
Tham Pum-Tham Pla (grotte di canna & pesce)
Si trovano a solo 1 chilometro da Khun Nam Nang Non, queste grotte sono conosciute per il loro interno stupendo.
 
Tham Pla Chom
Questa grotta, a 2,5 chilometri a ovest di Mae Sai, è nota per le sue stalattiti e come  posto adatto alla meditazione.
 
Amphoe Chiang Saen
La città di Chiang Saen, deliziosamente situata sulle sponde del fiume Mekong, è il sito di un insediamento antico che precede la nascita di Chaing Rai. Le testimonianze di questo periodo si palesano nelle rovine delle mura cittadine, nei fossati, nelle porte e nei templi.
 
Il Triangolo d’Oro
A 8 chilometri da Chiang Saen, questo famoso luogo sul fiume segna il punto in cui i confini tra la Thailandia, il Laos e il Myanmar si incontrano e dove si congiungono il fiume Mekong con il suo piccolo affluente il fiume Ruak. Le barche sul Mekong si possono noleggiare per intraprendere un viaggio da Chiang Saen risalendo verso il Triangolo d’Oro o discendendo verso Chiang Khong.
 
Il museo nazionale di Chiang Saen
Questo piccolo museo è dedicato all’insediamento storico di Chiang Saen e la sua antica cultura, e fornisce anche informazione sui siti archeologici e sulle minoranze etniche residenti nel bacino del fiume Mekong. Inoltre, vi sono esposte anche le statue di Budda ed i manufatti di Lanna. Il museo è aperto da mercoledì alla domenica, dalle ore 9.00 alle ore 16.00, eccetto giorni festivi.
 
Wat Phrathat Chedi Luang
Costruita nel 1291, è la pagoda più grande e più antica della provincia di Chiang Rai: 58 metri di altezza con il campanile di mattoni a forma di chedi (pagoda o stupa buddista) e la base ottagonale. La sala principale e le altre pagode intorno sono tra le rovine.
 
Wat Pa Sak
Il tempio occupa un’area di 16 ettari appena fuori le mura della città ed è a solo 200 metri dall’ufficio di servizi turistici. La pagoda, costruita nel 1295, è decorata con motivi ornamentali di stucco ed è riconosciuta come uno degli esempi più belli dell’architettura Lanna nella Thailandia settentrionale.
 
Wat Phrathat Chom Kitti
Questo tempio sulla sommità della montagna, raggiungibile con una scala di 339 gradini, ha un chedi che custodisce le reliquie del Budda.
 
Wat Phrathat Pha Ngao
Questa piccola pagoda in forma di una campana, in cima ad una collina, si trova a 4 chilometri da Chian Saen sulla strada Chiang Saen-Chiang Khong e offre una vista panoramica stupefacente del fiume Mekong e, più in là, del Laos. Il tempio possiede una statua magnifica del Budda in stile Chiang Saen.
 
Wat Phrathat Doi Pu Khao
Questo tempio sul fiume, vicino al mercato di Sop Ruak, offre un panorama meraviglioso sul Triangolo d’Oro e le montagne circostanti.
 
Wat Phra Chao Lan Thong
Il tempio è situato dentro le mura cittadine e fu costruito nel 1489 dal principe Thong Ngua, un figlio del re Tilokkarat, il dodicesimo governatore di Lanna. All’interno del tempio risiede una statua del Budda in ottone di 1,200 chilogrammi di peso, 2 metri di larghezza e più di 3 metri di altezza, la quale viene chiamata, appunto, Phra Chao Lan Thong. Un’altra statua, Phra Chao Thong Thip, anch’essa  realizzata in ottone è in stile Sukhothai.
 
Lago di Chiang Saen
A sud di Chiang Saen, sulla superstrada numero 1060 al chilometro 27 si prende una traversa e la si percorre per due chilometri. Questo lago straordinario di 640 ettari ospita durante l’inverno stormi di uccelli acquatici migratori. Sono disponibili alloggi e la possibilità di svolgere sport acquatici.
 
Amphoe Chiang Khong
Chiang Khong
Situata a 55 chilometri ad est di Chiang Saen ed a 114 chilometri a nord-est di Chiang Rai, questo piacevole territorio tipico si affaccia sul Laos attraverso il fiume Mekong.
 
Ban Hat Klai
Questa è la zona dove i ‘pla buk’, o  pesce gatto gigante d’acqua dolce, pesanti più di 300 chilogrammi, vengono catturati da aprile a giugno.
 
Ban Hat Bai
La comunità di Thai Lue, collocata a 25 chilometri sulla strada Chiang Saen-Chiang Khong, è conosciuta per i manufatti tessili di cotone.
 
Amphoe Thoeng
Il parco forestale di Phu Ci Fa
Questa montagna, che si trova a circa 25 chilometri a sud di Doi Pha Tang, è caratterizzata dai versanti alti e ripidi ed offre una vista panoramica sul Laos. La cima più alta s’innalza rapidamente verso il cielo. La nebbia avvolge il monte di mattina presto, specialmente nelle stagioni fresche. Nel mese di febbraio, i bianchi fiori selvatici ‘dok siao’, dominano l’area.
 
Amphoe Wiang Kaen
Doi Pha Tang
A circa 32 chilometri daAmphoe Wiang Kaen e 127 chilometri dalla città di Chiang Rai, questa montagna meravigliosa di 1,638 metri di altezza è la casa di gruppi etnici minori i Mong e gli Yao e offre anche una vista sulla linea di frontiera Thai-Laotiana. Durante i mesi di dicembre e di gennaio l’area viene resa ancora più pittoresca grazie ai ciliegi in fiore ed alla nebbia mattutina.
 
Amphoe Phan
Il parco nazionale di Doi Luang
Situato a circa 65 chilometri a sud della città di Chiang Rai, questo parco copre un’area di 1,170 km2 e si estende anche nei territori delle province di Chiang Mai, Lampang e di Phayao. L’attrazione maggiore del parco è la cascata di Pu Kaeng.
 
La cascata di Pu Kaeng
Questa cascata si trova nel parco nazionale di Doi Luang, nel comune di Phan. Per raggiungere questo posto, viaggiate sulla strada Chiang Rai- Phayao per 58 chilometri, direzione Ban Pu Kaeng. Al chilometro 77, girate a destra e continuate per altri 9 chilometri, vi ritroverete di fronte un’ampia cascata immersa nella foresta vergine con l’acqua che scende tra le fessure di rocce calcaree. Ci sono i servizi per il campeggio e per il trekking.
 
Amphoe Wiang Pa Pao
Wiang Kalong
Questa comunità si trova a circa16 chilometri dal comune di Wiang Pa Pao. Qui, si trovano delle rovine di antiche fornaci che si usavano un tempo per produrre utensili di terracotta. Le fornaci hanno la forma simile al carapace della tartaruga e sono di varie dimensioni da un diametro di 2 fino a 5 metri.
 
La sorgente calda di Mae Khachan
La sorgente calda si trova a Tambon Mae Chedi Mai, sulla strada Chiang Rai- Chiang Mai al chilometro 64-65, accanto a un torrente. Gli abitanti vendono le uova ai turisti perché le cuociano nell’acqua bollente della sorgente.
 
Il parco nazionale di Khun Chae
Si trova a Tambon Mae Chedi Mai, nel comune di Wiang Pa Pao ed è raggiungibile dalla superstrada Chiang Mai-Chiang Rai, numero 118. La sede principale del parco si trova al chilometro 55-56. I visitatori che desiderano fare un’escursione nella foresta e campeggiare nel parco, sono pregati di chiedere il servizio di guida e di preparare le attrezzature necessarie. Il cammino attraverso la foresta di Khun Chae è un viaggio per gli appassionati d’avventura, dato che il percorso è composto da sentieri ripidi, pendici di colline e da rupi di 1,400 metri di altezza. Ci sono vari punti panoramici e gli escursionisti possono godersi le cascate ed i torrenti nella foresta vergine, ricca di vegetazione.
 
Eventi speciali
Wai-sa Phraya Mengrai
Si svolge verso la fine di gennaio o l’inizio di febbraio per commemorare il re Mengrai, fondatore della città di Chiang Rai e del Regno di Lanna. Il festival presenta il corteo storico, gli spettacoli tradizionali e molte gare divertenti.
 
Il Songkran e la regata di Chiang Saen
Dal 13-15 aprile, il Songkran, ossia il capodanno tradizionale thailandese, è degnamente festeggiato a Chiang Saen, dove si svolge anche l’omonima regata tra le squadre thailandese, laotiana, birmana e cinese nel fiume Mekong. Gli spettacoli culturali e la gara di bellezza per incoronare la Regina del Triangolo d’Oro sono altre attrazioni.
 
La sagra del Lychee
La sagra celebra la frutta più deliziosa di Chiang Rai, al terzo fine settimana di maggio, e presenta anche la mostra dell’agricoltura, prodotti artigianali locali, danze popolari ed un concorso di bellezza.
 
Shopping
Chiang Rai è ricchissima di prodotti artigianali come capi di cotone, accessori tribali di argento e oggetti scolpiti in legno. Mentre trai prodotti agricoli spiccano il lychee (nei mesi di aprile e maggio), l’ananas e il tè e dato il clima temperato, la coltivazione di queste varietà  è incentivata ed economicamente sostenuta da progetti reali.
 
Come arrivarci
Con l’aereo
Thai Airways International,voli giornalieri da Bangkok a Chiang Rai.
Tel. 0 2628 2000, 0 2280 0060 o Hotline 1566.
www.thaiairways.com
 
Con il bus
Il viaggio di 10 ore da Bangkok può essere fatto anche in autobus con aria condizionata o senza. La partenza è dalla Stazione Autolinee di Bangkok, via Kampaeng Phet II.
Tel. 0 2936 2852-66
www.transport.co.th
 
Con l’auto
Prendete l’autostrada numero 1 e dopo la numero 32 per Nakhon Sawan e poi riprendete la numero 1 per Chaing Rai via Phayao, Lampang e Tak. Il percorso totale è di 785 chilometri.
 
Phayao
Il moderno capo luogo di provincia  Phayao è situata accanto all’ affascinante lago circondato da montagne, sulle sponde di questo si trovano diversi luoghi importanti. Gli alloggi e le altre comodità sono modesti ma confortevoli.
 
Una piccola provincia pacifica composta principalmente da colline e da valli, Phayao un’area di  6,335 km2 si estende a 690 chilometri a nord di Bangkok. È accessibile comodamente dalla strada proveniente da Chiang Mai e da Chiang Rai. Phayao era governato da propri sovrani, uno di questi re Ngam Mueang, si pensa abbia aiutato un suo caro amico, il re Mengrai, a far si che Chiang Mai si costituisse come la nuova capitale del Regno di Lanna verso la fine del secolo XIII. Come per gli altri principati settentrionali, la testimonianza più tangibile della loro esistenza passata sono ad oggi i templi buddisti, costruiti ed utilizzati in quel tempo dai re dei vari territori. Il moderno capo luogo di provincia Phayao è situata accanto all’affascinante lago circondato da montagne, sulle sponde di questo si trovano diversi luoghi importanti. Gli alloggi e le altre comodità sono modesti ma confortevoli.
 
Attrazioni della città
Kwan Phayao
È il lago di acqua dolce più grande dell’estremo Nord, la sua abbondanza di pesci provvede alla sopravvivenza di molti abitanti della zona. Il paesaggio circostante, in particolare al tramonto, è mozzafiato. Lungo la costa del lago ci sono negozi ed aree di ricreazione.
 
Wat Si Khom Kham
Il tempio si trova sul lago di Kwan Phayao e custodisce la statua più grande di Buddha in stile Lanna: la statua seduta misura 16 metri d’altezza e 14 metri di larghezza e si dice che ci siano voluti 33 anni di lavoro per completarla. Ogni anno, a maggio, si festeggia la statua.
 
Ho Watthanatham Nithat
Si trova accanto a Wat Si Khom Kham, questo museo popolare espone le mostre relative alla storia, alla cultura originaria e alle tradizioni di Phayao.
 
Wat Phrathat Chom Thong
Situata davanti a Wat Si Khom Kham e è raggiungibile percorrendo 1,5 chilometri di strada che si inerpica su per la collina. Questo tempio grazioso offre una vista panoramica sul lago e sulla città di Phayao.
 
Centro di Allevamento di pesci d’acqua dolce
È nel centro della città sull’autostrada numero 1, questo è il primo impianto al mondo che riesce ad allevare, con successo, il ‘pla buk’ ovvero il pesce gatto gigante. C’è anche un acquario che ospita varie specie di pesci e di piante acquatiche.
 
Monumento in memoria di Pho Khun Ngam Mueang
Si trova in un parco accanto a Kwan Phayao, il monumento commemora il governatore di Phu Kam Yao del XII secolo, durante il suo regno, lo stato era prospero ed il suo territorio era molto vasto. Inoltre Pho Khun Ngam Mueang si rese famoso per aver stipulato un patto di non-aggressione e di lealtà  con il re Mengrai di Chiang Mai e con il re Ramkhamhaeng di Sukhothai.
 
Attrazioni nei dintorni
Wat Analayo
Il tempio Wat Analayo eretto sulla sommità di una collina, è situato in un’area verdeggiante a 7 chilometri dal centro di Phayao, per raggiungerlo si gira sulla sinistra procedendo per altri 9 chilometri. Il tempio è famoso anche per la collezione di sculture religiose, create dagli artisti contemporanei.
 
Chiang Kham
Questo comune, a circa 74 chilometri a nord-est della città di Phayao sulla superstrada numero 1021, è la residenza di tanti Thai Lue, popoli i cui antenati  emigrarono dalla regione dello Yunnan, nel Sud della Cina, circa 200 anni fa. Altrettanto interessante è Wat Nantaram, un tempio in stile birmano, costruito con il legno di tek.
 
Wat Nantaram
Un grazioso tempio a Chiang Kham è Wat Nantaram, un tempio in stile birmano, interamente costruito con il legno di tek. I lavori straordinari di falegnameria delle finestre, dei timpani, dei corridoi e delle altre parti dell’edificio sono rappresentati da disegni elaborati finemente intagliati.
 
Namtok Phu Sang
Una cascata stupenda che si trova  20 chilometri a nord dal centro di Chiang Kham, sulla superstrada numero 1093. La natura nei dintorni è ancora intatta. Phu Sang è diversa dalle altre cascate perché è nata da una sorgente calda sulla montagna che poi si incanala dentro un ruscello prima di lanciarsi dalle rocce.
 
Namtok Champa Thong
Una cascata molto alta in uno scenario naturale incantevole, Champa Thong è raggiungibile imboccando una traversa al chilometro 7 dalla strada Phayao-Chiang Rai.
 
Il parco nazionale di Doi Phu Nang
Si trova a 48 chilometri a sud di Amphoe Dok Khamtai e si raggiunge percorrendo la superstrada numero 1251 ed una traversa della strada principale per altri 4 chilometri. Qui si può ammirare una grande varietà di uccelli migratori, in particolare  pavoni che arrivano nel parco per riprodursi da gennaio a marzo. Il parco possiede anche una cascata meravigliosa, chiamata Namtok Than Sawan. C’è la possibilità di campeggiare nel parco.
 
Centro culturale indigeno di Ban Tham
Dista 15 chilometri dal comune di Dok Khamtai sulla strada per Chiang Muan, il centro possiede una grande collezione di arnesi per l’agricoltura e di manufatti antichi.
 
Shopping
Oggetti ricavati dalle fibre di giacinto acquatico sono i prodotti tipici di Ban San Pa Mueang, a 15 chilometri dalla città di Phayao, sulla strada per Wat Analayo. Mentre a Chiang Kham l’artigianato tessile del cotone lavorato a  amano è una attività caratteristica della comunità Thai Lue.
 
Come arrivarci
Con l’aereo
I viaggiatori possono prendere un volo da Bangkok a Chiang Rai, e poi prendere un bus alla stazione dell’autobus di Chiang Rai si arriva così a Phayao in un’ora o poco più.
Thai Airways International,voli giornalieri da Bangkok a Chiang Rai.
Tel. 0 2628 2000, 0 2280 0060 o Hotline 1566.
www.thaiairways.com
 
Con il bus
Sono disponili bus con o senza aria condizionata che partono per Phayao dalla Stazione delle Autolinee di Bangkok, via Kampaeng Phet II.
Tel. 0 2936 2852-66
www.transport.co.th
 
Con l’auto
Prendete l’autostrada numero 1 da Bangkok e dopo la numero 32 per Nakhon Sawan e poi riprendete la numero 1 per Phayao via Lampang e Tak. Il percorso totale è di 690 chilometri.
 
Phrae
La città di Phrae si estende sulle rive del fiume Yom,  è una comunità antica, fondata poco dopo Chiang Mai, essa mantiene molto bene le caratteristiche tradizionali nelle sue vie tranquille sulle quali si affacciano un numero considerevole di case antiche in tek
 
Copre un’area di 6,538 km2 e il suo capo luogo di provincia si trova a 551 chilometri a nord di Bangkok, Phrae è circondata dalle montagne con al centro delle pianure. È rinomata per avere una delle riserve più ampie di foresta di tek della nazione. La provincia regala un’atmosfera remota insita nel suo modo di apparire al visitatore, anche se può essere raggiunta facilmente percorrendo la superstrada numero 101. La città di Phrae si estende sulle rive del fiume Yom, è una comunità antica, fondata poco dopo Chiang Mai, essa mantiene molto bene le caratteristiche tradizionali nelle sue vie tranquille sulle quali si affacciano un numero considerevole di case antiche in tek.
 
Attrazioni della città
Wat Luang
Datato molto probabilmente stesso periodo della fondazione di Phrae, Wat Luang è un tempio antico di considerevole interesse, specialmente nel grande chedi in stile Chiang Saen, la sala della statua e un museo che custodisce numerose statue antiche di Budda.
 
Wat Phra Non
Situato ad ovest di Wat Luang, vicino al sito delle antiche mura cittadine, Wat Phra Non esiste da più di 300 anni e custodisce la statua di Budda Sdraiato, lunga 9 metri. Gli edifici del tempio sono esempi eccellenti dell’architettura Lanna, con tetti stupendi e gronde artisticamente traforate.
 
Wat Phra Bat Ming Mueang
Si trova sulla via Chareon Nakhon, vicino al palazzo comunale, Wat Phra Bat Ming Mueang fu costruito nel 1955, combinando lo stile dei due templi antichi. C’è un chedi antico contenente una copia dell’impronta del piede del Budda.
 
Pilastro reliquario della città
In via Khun Doem, nel centro della città, il Pilastro reliquario della città raffigura un’epigrafe del periodo di Sukhothai che descrive la costruzione di un tempio in città.
 
Wat Chom Sawan
A un chilometro dal palazzo comunale, in via Yantrakit Koson, Wat Chom Sawan un tempio in stile birmano davvero impressionante, caratterizzato da tetti multi-livelli, raffinate lavorazioni di traforo e interni accuratamente decorati. Le statue antiche di Budda consistono in una statua di marmo, altre di bamboo intrecciato e ricoperte di lacca.
 
Wat Sa Bo Kaeo
Situata in via Nam Khu, vicino al fossato della città, questo tempio si distingue per i suoi aspetti architettonici in stile birmano.
 
Attrazioni nei dintorni
Wat Phrathat Cho Hae
Questo luogo religioso è a 8 chilometri ad est della città sulla superstrada numero 1022. Il tempio del periodo di Sukhothai è famoso per il suo chedi in stile Chiang Saen, alto 33 metri ed è costruito con mattoni e coperto con le sfoglie lucenti di ottone. Il suo nome fa riferimento al tessuto raffinato di seta di Xishuangbanna (nella provincia di Yunnan, in Cina), che veniva usato per coprire il chedi appena costruito. La statua del rispettabile Budda di Phra Chao Than Chai è custodita in questo tempio.
 
Wat Phrathat Chom Chaeng
Dista 3 chilometri da Wat Phrathat Cho Hae, questo tempio costruito nel 788, ha un chedi d’orato, alto 29 metri che contiene delle reliquie sacre. Inoltre, c’è un museo di resti antichi molto rari.
 
Ban Thung Hong
A circa 4 chilometri dalla città, sulla superstrada numero 101, si trova Ban Thung Hong, un villaggio conosciuto per i suoi prodotti artigianali, specialmente le camice di contadini, fatte di ‘mo hom’, una specie di stoffa di cotone, tinto di colore blu.
 
Il parco forestale di Phae Mueang Phi
Si estende a 12 chilometri di distanza dalla città, sulla superstrada numero 101 poi girando a destra si continua per altri 6 chilometri. Phae Mueang Phi significa letteralmente ‘terra dei fantasmi’, il nome deriva dai fenomeni geologici particolari che qui trovano libero sfogo. La zona è brulla ed ha subito un abbassamento dovuto all’erosione degli agenti atmosferici i quali  hanno creato un paesaggio pieno di rocce dalle forme strane, emergono dal terreno pilastri che hanno l’aspetto di funghi esotici.
 
Il museo folclore di Ban Fai
Situato nella stessa zona del ristorante Ban Fai Garden, a 3 chilometri dalla città, sulla strada Phrae-Sung Men, il museo possiede diversi edifici di legno dove si trovano esposti oggetti che raccontano il modo di vivere delle genti del posto, ci sono anche negozi e un mercato tradizionale.
 
Il mercato di Hua Dong
A 9 chilometri a sud della città, sulla superstrada numero 101, il mercato di Hua Dong è un centro espositivo di mobili e oggetti decorativi per la casa, fatti in legno o in rattan.
 
Wat Phra Luang
A 700 metri dalla superstrada a Ban Hua Dong, si trova Wat Phra Luang che presenta un chedi del periodo Sukhothai, conosciuto tra i locali come ‘That Noeng’ ossia ‘chedi pendente’.
 
Il Villaggio della Tessitura
Si trova a circa 45 chilometri dalla città, presso il comune di Long, sulla superstrada numero 1023, vi risiede una comunità secolare. Gli abitanti sono specializzati nella tessitura artigianale sia della seta che del cotone. L’arte del creare il tessuto ‘tin cioc’, in particolare, è tramandata da generazione in generazione. Il suo disegno è stato modificato per adattarsi ai gusti moderni nonostante i motivi antichi siano mantenuti. Una fiera per celebrare l’arte della tessitura si svolge nella cittadina di Long verso il mese di novembre.
 
Il parco nazionale di Wiang Kosai  
Il parco si trova a circa 70 chilometri dal centro del comune di Wang Chin. Ci si arriva, prendendo la superstrada numero 11 (Phrae-Lampang) girando poi a sinistra direzione Wang Chin e continuando per altri 13 chilometri, qui si trova l’ufficio principale del parco. Ad 1 chilometro più avanti si trova una cascata che si chiama Mae Koeng Luang, e a 1,5 chilometri dall’ufficio ci sono altri due cascate, mentre la cascata di Mae Koeng Noi è a 2 chilometri più in là. I torrenti che alimentano le cascate vanno a finire nel fiume Yom.
 
Il parco nazionale di Mae Yom
È nel comune di Song, a 48 chilometri dal centro città, il Parco Nazionale di Mae Yom copre un terreno montagnoso dove le foreste di tek sono probabilmente le più fitte del paese. Lungo il fiume  Yom, davanti al campeggio del parco, si trova un tratto di fiume che corre impetuoso per 2 chilometri. Il periodo migliore per visitare il parco è nel mese di novembre quando l’acqua è fresca e il paesaggio è più delizioso.
 
Eventi speciali
La festa di Phrathat Cho Hae
La festa di questo tempio culmina con la processione storica in stile Lanna dove gli abitanti si vestono in costume tradizionale e portano la corda con la quale coprono il chedi.
 
La festa di Kin Salak
Si svolge a settembre, in quest’antica celebrazione buddista gli abitanti preparano le offerte e le portano insieme in processione verso il tempio per darle ai monaci.
 
Shopping
Phrae è famosa per due tipi di tessuto di alta qualità: il ‘mo hom’, prodotto maggiormente a Ban Thung Hong, per il quale vengono usati i metodi tradizionali di tessere, tingere e cucire la stoffa; il ‘tin cioc’, un materiale raffinato con un disegno distintivo che viene usato per produrre  borse, scarpe, oggetti decorativi per la casa e abbigliamento. I centri principali di queste attività sono i comuni di Long, Wang Chin e Den Chai.
 
Come arrivarci
Con il treno
I treni partono ogni giorno dalla Stazione Ferroviaria di Bangkok per il centro di Den Chai, da qui i viaggiatori possono prendere un mini-bus per Phrae.
Tel. 0 2220 4334 o Hotline 1690
www.railway.co.th
 
Con il bus
Sono disponili sia bus con o senza aria condizionata e partono per Phrae dalla Stazione degli autobus di Bangkok, via Kampaeng Phet II.
Tel. 0 2936 2852-66
www.transport.co.th
 
Con l’auto
Prendete l’autostrada numero 1 da Bangkok e dopo la numero 32 per Nakhon Sawan. Prendete poi la numero 117 direzione Phitsanulok e dopo girate a destra per l’autostrada numero 11 per Phrae. Il percorso totale è di 550 chilometri.
 
Nan
È una provincia remota, ricca di attrazioni sia di tipo culturale che paesaggistico. La città di Nan si nasconde nella valle verdeggiante, attraversata dal fiume che porta lo stesso nome della città, circondata dalle colline boscose, durante il XIII secolo, fu una città con uno stato politicamente indipendente.
 
Si estende su un’area di 11,472 km2 . Il capoluogo di provincia dista 668 chilometri da Babgkok. È una provincia remota, ricca di attrazioni sia di tipo culturale che paesaggistico. La città di Nan si nasconde nella valle verdeggiante, attraversata dal fiume che porta lo stesso nome della città, circondata dalle colline boscose, durante il XIII secolo, fu una città con uno stato politicamente indipendente. Durante il suo lungo periodo storico, Nan, inizialmente, era molto influenzata da Sukhothai sia dal punto di vista culturale che politico, successivamente cadde, per prima, sotto l’influenza del Regno di Lanna il cui centro era a Chaing Mai e più tardi, di quello Birmano. Con l’espulsione dei birmani, avvenuta nel XVIII secolo, Nan si godette un periodo di autonomia prima di sottomettersi al pieno controllo di Bangkok all’inizio del 1900.
 
Le tracce così evidenti del suo ricco passato sono ancora ritrovabili nei suoi templi antichi, mentre lo scenario delle campagne circostanti in cui vivono numerosi popoli Thai Lue e delle tribù della montagna, viene arricchito di un aspetto fortemente etnico.
 
Attrazioni della città
Il museo nazionale di Nan
Collocato nell’edificio che formalmente era la residenza del governatore di Nan, il museo è un punto di partenza per eccellenza per la visita della città . Esso mostra principalmente la storia di Nan e l’evoluzione dell’arte locale.
 
Wat Phrathat Chae Haeng
Probabilmente il più affascinante tra i templi antichi di Nan, Wat Phrathat Chae Haeng dista 2 chilometri dal centro città, sulla superstrada numero 1168, ad est del fiume di Nan. Questo era il sito originale dell’insediamento della città fino a 600 anni fa, prima che il re spostasse il centro stesso sulla sponda occidentale, seguendo il suggerimento di un suo sogno. La costruzione occupa un punto elevato, raggiungibile con una scala con i corrimani a forma di ‘naga’ (animale mitologico assomigliante ad un serpente, probabilmente un drago acquatico), Wat Phrathat Chae Haeng è un tempio con le mura del XIV secolo ed è dominato da un chedi, alto 55 metri. Di una proporzione, ugualmente, impressionante è la sala della statua: una magnifica struttura influenzata dall’arte laotiana, caratterizzata dai 5 strati di tetti a cascate, in 3 livelli di altezza differenti.
 
Wat Chang Kham Worawihan
Si trova di fronte al museo, la costruzione originaria di questo tempio è del 1406 ma nel corso degli anni è stato restaurato molte volte. Il nome deriva dal suo chedi con le statue di elefanti (chang) che fanno da contrafforte alla base. Viene custodita all’interno del tempio una maestosa statua di Budda in piedi, alta 145 centimetri, fatta di oro puro.
 
Wat Phumin
È un tempio di una bellezza eccezionale. La sala è attribuita al tardo XVI secolo e ha un’atipica struttura cruciforme. L’interno, affascinante quanto l’architettura esterna, è dominata da uno splendido palco centrale, su cui si trovano 4 statue di Budda che si affacciano sui  4 punti cardinali. Inoltre le pareti sono decorate con le raffinate pitture murali che narrano la storia di una delle incarnazioni precedenti di Budda e delle scene interessanti di vita paesana.
 
Wat Suan Tan
La datazione del tempio è risalente al XV secolo ed è dominato da un imponente chedi. Wat Suan Tan è noto per la sua importante statua di Budda antica di 500 anni, conosciuto come Phra Chao Thong Thip: una statua di bronzo, alta 4,1 metri, in stile Sukhothai.
 
Wat Phayawat
Situata un po’ prima dell’ingresso della città, sulla superstrada numero 101, Wat Phayawat è notevole per il suo chedi, costruito in forma di piramide ripida di 5 piani, ognuno con la base fatta di 5 gradini e nicchie che contengono statuette di Budda.
 
Attrazioni nei dintorni
Ban Nong Bua
Questo villaggio Thai Lue si trova a 40 chilometri a nord della città di Nan, raggiungibile dalla superstrada numero 1080 dopo avere girato a sinistra e percorso altri 3 chilometri di strada statale. Gli abitanti sono conosciuti per la loro tradizione tessile tribale, mentre il tempio di Wat Nong Bua è un buon esempio di architettura dei templi e delle decorazioni tipiche Thai Lue.
 
Ban Pak Nai
Raggiungibile percorrendo 22 chilometri di strada serpeggiante sui versanti della montagna, è situato a circa 96 chilometri dal centro città, Ban Pak Nai è un villaggio di pescatori sulle rive di un lago d’acqua dolce, sopra la diga di Sirikit nella provincia di Uttaradit. Le tipiche zattere locali sono trasformate in ristoranti e in alloggi per i visitatori che preferiscono una vacanza, immersi un ambiente naturale e pacifico. I piatti rinomati della zona sono preparati con i pesci freschi pescati nel lago.
 
Il parco nazionale di Doi Phu Kha
A nord di Nan nel comune Nong Bua, sulla superstrada numero 1080 dopo 25 chilometri sulla statale direzione Bo Kluea, si trova il parco. Il terreno, coperto fondamentalmente da foreste, è costituito da montagne di rocce calcaree dove prendono vita numerose sorgenti di ruscelli che sboccano nel fiume Nan. Siamo a quota 1,900 metri sopra il livello del mare dove cresce la flora, in via di estinzione, come ‘Chomphu Phu Kha’ (Bretschneideraceae ninesis hemsl), i cui fiori rosa raggiungono il massimo della fioritura nel mese di febbraio. Di  mattina, si può ammirare un mare di nebbia che scorre dolcemente nelle valli. Ci sono anche diverse cascate stupende. È permesso campeggiare nel parco o altrimenti, i turisti possono alloggiare nelle strutture disponibili.
 
Il parco nazionale di Si Nan
Il parco copre una vastissima area di foreste e colline. Pla Chu è l’attrazione più grande del parco; questa rupe può essere raggiunta in auto percorrendo la strada Nan-Wiang Sa-Na Noi per 135 chilometri, poi prendendo la superstrada numero 1083 e continuando per altri 22 chilometri. Dalla sommità della rupe si può ammirare una vista panoramica meravigliosa delle montagne. L’asta della bandiera nazionale ha un cordone che corre per tutto il percorso giù fino alla base della montagna ed è il più lungo del paese. Esiste un’area per il campeggio per i visitatori del parco.
 
Hom Chom
È un fenomeno geologico naturale di pilastri di terra formati dall’erosione, simile al parco Phae Mueang Phi a Phrae. Si trova a 10 chilometri dal comune di Na Noi, sulla superstrada numero 1083.
 
Il parco forestale di Tham Pla Tup
Si estende a 10 chilometri a nord della città di Nan ed è un complesso di 17 grotte che fanno parte di una nuova riserva naturale.
 
Rafting sul fiume Wa
Quest’attività eccitante sta aspettando i turisti che amano sfidare la forza delle acque. Al rafting si può aggiungere una gita alla guida di un elefante. Il periodo adatto per il rafting è da settembre a febbraio. I visitatori possono contattare per queste attività le agenzie turistiche della città.
 
Eventi speciali
La regata delle barche lunghe
Svolta da ottobre a novembre, è una delle più grandi e indiscutibilmente la più eccitante delle regate tradizionali di barche lunghe che si svolgono tra le comunità fluviali della Thailandia per celebrare la fine del periodo di ritiro dei monaci e della quaresima dei buddisti.
 
Shopping
Tessili
Nan è rinomata per i suoi manufatti tessili di alta qualità dipinti in vari motivi, il più famoso è ‘lai nam lai’ ovvero ‘l’acqua che scorre’, che è rappresentata con i disegni scalati raffiguranti torrenti e cascate.
 
Artigianati
Abbigliamenti di seta, oggetti intagliati di legno e prodotti artigianali delle tribù sono i souvenir più popolari.
 
Strumenti musicali
Nan è anche conosciuta per gli strumenti musicali, in particolare per il ‘salo’, uno strumento simile al violino e ‘sueng’ che assomiglia alla chitarra.
 

 
Con il bus
Il viaggio di 9 ore da Bangkok può essere fatto in autobus con aria condizionata o senza. La partenza è dalla Stazione degli autobus di Bangkok, via Kampaeng Phet II.
Tel. 0 2936 2852-66
www.transport.co.th
 
Con l’auto
Da Phrae, Nan è facilmente raggiungibile dalla superstrada numero 101, un breve percorso di 118 chilometri.